INFO

Se smetti, diventi irresistibile

Diventando ex-fumatore, un fumatore ottiene uno straordinario risultato. I vantaggi a livello personale sono numerosi: ad esempio, salute e aspetto migliori, più soldi e maggiore fiducia in sé. Ma anche le conseguenze sulla società (riduzione dei costi per il settore sanitario, economia più forte ecc.) sono notevoli. Ecco perché questa campagna vuole celebrare la figura dell'ex-fumatore, un modello di coraggio e determinazione per chi ancora deve smettere.

iCoach

Smettere non è affatto facile. Questa campagna presenta dunque uno strumento molto efficace per aiutare i fumatori a uscire dal tabagismo: disponibile nelle 23 lingue ufficiali dell'Unione europea, iCoach è una piattaforma digitale gratuita di educazione alla salute. Diversamente da altre iniziative di questo tipo, iCoach è rivolta anche a chi non intende smettere o è soggetto a un elevato rischio di ricaduta. I risultati fin qui ottenuti sono eccezionali: oltre il 30% delle persone che hanno iniziato il programma ha smesso di fumare.

La sfida dell'UE al tabagismo

La prima normativa sul controllo del tabacco venne introdotta negli anni '80. Da allora, la politica e le leggi comunitarie dedicate alla prevenzione e alla lotta contro il fumo ne hanno fatta di strada. La percentuale di fumatori tra i cittadini dell'UE ha continuato lentamente a diminuire e in molti hanno appeso la sigaretta al chiodo.

Terminata nel 2010, la campagna "Help: per una vita senza tabacco", era stata varata dalla Commissione nel 2005. L'iniziativa, che ha riscosso un buon successo, era incentrata su prevenzione, rinuncia al fumo e fumo passivo ed era rivolta, in particolare, ai giovani europei fra i 15 e i 25 anni. Oggi, "Irresistibile" è il naturale proseguimento di quella campagna e mira a stimolare i fumatori a liberarsi dal vizio.

La strada da percorrere è ancora lunga. A tutt'oggi, infatti, un terzo dei cittadini europei fuma regolarmente e molti continuano a morire di patologie correlate al tabagismo. Non stiamo parlando soltanto di una tragedia umana: si tratta anche di una questione sanitaria e socio-economica di primo piano, dato che addossa ai sistemi sanitari pubblici europei un enorme fardello e deruba l'Europa dei lavoratori necessari a stimolare la competitività in un'epoca in cui le difficoltà economiche sono pressanti.

Per saperne di più

Fumatori motivati?

Sette fumatori su dieci vogliono smettere per via della salute. Il 50% circa afferma che le persone che li circondano o il prezzo delle sigarette li hanno spinti a considerare l'idea di smettere. Un fumatore europeo su cinque dichiara che i rapporti con i non fumatori, gli ordini del medico, l'essere marchiati a livello sociale e il divieto di fumo nei luoghi pubblici fanno venire voglia di smettere.

Speciale Eurobarometro 332, maggio 2010

Seguici su facebook